Cistite recidivante: un trattamento possibile

 

  • LA CISTITE

Quando si parla di cistite si intende una infiammazione della mucosa vescicale dovuta spesso ad infezioni batteriche, sostenute principalmente dal batterio Escherichia Coli.

Si manifesta con una serie di sintomi come:

  • Bisogno di urinare con una elevata frequenza;
  • Bruciore durante la minzione;
  • Tenesmo, ossia sensazione di spasmi dello sfintere uretrale;
  • Cattivo odore delle urine;
  • Può essere presente del sangue nelle urine;
  • Sensazione di svuotamento incompleto della vescica all’atto mintorio;
  • Febbre e/o brividi;
  • Dolore o senso di pesantezza sovrapubico accompagnato anche da dolore della zona genitale;
  • Dolore della zona pelvica.

L’infezione urinaria può essere dovuta alla scarsa igiene, all’assunzione di contraccettivi orali, in seguito a rapporti sessuali per l’anatomia genitale femminile, alla carenza di estrogeni.

  • COSA FARE IN CASO DI CISTITE

In caso di cistite conclamata si consiglia di bere molta acqua, 1,5/2 litri al giorno. L’introduzione di liquidi permette la diluizione della carica batterica e conseguentemente una sua rapida eliminazione. Eseguire una buona igiene intima, un bidet con acqua calda può dare sollievo; curare l’alimentazione eliminando quegli alimenti che irritano la mucosa e preferire cibi quali yogurt, frutta e verdura e fermenti lattici.

Risulta altrettanto consigliabile consultare un medico in caso di sintomi tipici della cistite. Una urinocoltura può essere importante per conoscere la tipologia di batterio presente nelle urine.

La TERAPIA consiste in cure farmacologiche antibiotiche in caso di urinocoltura positiva. Possono essere consigliati dal medico anche farmaci antidolorifici e antispastici. Bellavista terapia vengono anche prese in considerazione cure non farmacologiche che prevedono l’assunzione di tisane o integratori con proprietà diuretiche e disinfettanti delle vie urinarie.

  • LA RIABILITAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO: una alleata per la cura della cistite

Il pavimento pelvico avvolge e sostiene gli organi genitali. Una contrattura del pavimento pelvico può esser causa di problematiche a livello dello stesso. La cistite è una di queste! Eseguire una valutazione del pavimento pelvico nel caso di cistite recidivante risulta importante per capire se un fattore di mantenimento della infezione possa proprio essere la contrattura della muscolatura pelvica. Eseguire dei trattamenti specifici, manuali o strumentali, può diventare un valido aiuto al trattamento e alla cura della cistite.